Non ho l’età

È terminato il montaggio del documentario: Non ho l’età – Il ritornello che ha commosso una generazione di migranti. Il progetto è prodotto da Tiziana Soudani per Amka Films SA e gode del sostegno della Radiotelevisione Svizzera di Lingua Italiana e di REC.

> Maggiori info sul sito di AMKA

Carmela, don Gregorio, Gabriella e Lorella non si conoscono ma hanno molto in comune. A metà degli anni Sessanta, al culmine della grande ondata migratoria, da soli o insieme alle loro famiglie, sono arrivati in Svizzera, dove hanno vissuto per un periodo più o meno lungo. E qui, hanno vissuto gli anni difficili di Schwarzenbach ascoltando la giovanissima cantante veronese Gigliola Cinquetti, diventata celebre dopo la vittoria del Festival di Sanremo 1964 con Non ho l’età (per amarti).

Grazie al suo aspetto rassicurante, Gigliola fece breccia nel loro cuore, come in quello di tantissimi altri migranti nel mondo. Una bandiera di quell’Italia di un tempo, ormai alle loro spalle, e diventata oggetto di vera e propria venerazione, al punto di essere sommersa da migliaia e migliaia di lettere.

Screen Shot 2015-11-28 at 23.18.35
Quattro di queste, giunte intatte ai giorni nostri, parlano proprio di Carmeladon GregorioGabriella e Lorella e della loro avventura di “migranti”. Carmela, la protagonista, ha seguito i genitori in Svizzera, dove per anni ha vissuto da clandestina e dove, con pazienza e tenacia, ha posto le basi per la costruzione della sua famiglia e della sua professione. Don Gregorio, giovane seminarista calabrese a Coira, animatore di attività nelle “baracche”, dopo vent’anni di servizio nelle parrocchie del Canton Zurigo, è tornato nella sua Calabria a occuparsi della sua comunità originaria e dei migranti di oggi. Gabriella, nata in Svizzera da genitori veneti, ha seguito mamma e papà nel loro tentativo fallimentare di rientrare in Italia. Lorella e i suoi genitori, infine, hanno cercato invano rifugio in Ticino e si sono consumati di lavoro senza raggiungere il benessere tanto desiderato.

Quattro storie molto diverse che si incrociano sulle note di una delle canzoni più popolari dell’epoca. Quattro storie diverse che raccontano di speranze, sogni, solidarietà, ma anche (e soprattutto) di chiusura, xenofobia, clandestinità e sfruttamento. Quattro storie oggi più attuali che mai.

Altre info:
Premio SSA al progetto “Non ho l’età”
> Il comunicato ufficiale della SSA

Il documentario prende spunto dalla tesi della storica Daniela Delmenico intitolata: L’EMIGRAZIONE VISSUTA: ANALISI DELLE LETTERE ALLA CANTANTE GIGLIOLA CINQUETTI.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi